Ecg – elettrocardiogramma a riposo

Sedi disponibili
  • Bedizzole
  • Castiglione d/S
  • Desenzano d/G
  • Palazzolo s/O - Via Firenze
  • Palazzolo s/O - Via Kennedy
  • Salò
Prenota
Sedi disponibili
  • Bedizzole
  • Castiglione d/S
  • Desenzano d/G
  • Palazzolo s/O - Via Firenze
  • Palazzolo s/O - Via Kennedy
  • Salò

Cos’è l’Elettrocardiogramma?

 

L’Elettrocardiogramma, o più semplicemente ECG, è un esame diagnostico che permette di registrare e poi rappresentare graficamente l’attività elettrica del cuore, attraverso l’utilizzo dell’elettrocardiografo.

Si tratta di un esame diagnostico non invasivo, completamente indolore, ripetibile e senza nessun tipo di controindicazione.

L’elettrocardiografo registra l’attività cardiaca attraverso degli elettrodi che vengono applicati sul petto del paziente; tale attività registrata viene poi tradotta graficamente su un monitor (o su foglio di carta millimetrata).

L’ elettrocardiogramma (ECG) può essere eseguito:

  • a riposo (elettrocardiogramma di base): le funzioni cardiache vengono misurate  mentre il paziente è disteso sul lettino; l’ esame si svolge ambulatorialmente e ha una durata di circa 20 minuti
  • sotto sforzo (test ergometrico o da sforzo): le funzioni cardiache vengono misurate mentre il paziente compie un esercizio fisico (pedalata con cicloergometro); l’ esame si svolge ambulatorialmente e ha una durata di circa 20-30 minuti
  • secondo Holter (elettrocardiogramma dinamico): le funzioni cardiache vengono registrate per 24/48 ore da un elettrocardiografo portatile collegato a elettrodi posizionati sul torace del paziente che svolgerà le normali attività quotidiane, annotandole su un diario; il tracciato verrà poi scaricato e analizzato dallo specialista in Cardiologia

Quando eseguire l’Elettrocardiogramma?

 

L’Elettrocardiogramma permette di:

  • rilevare la presenza di aritmie cardiache
  • diagnosticare precocemente un’ischemia o un infarto del miocardio
  • monitorare e controllare lo stato di salute del cuore a seguito di infarto cardiaco
  • studiare e monitorare alterazioni della conduzione elettrica del cuore
  • verificare il corretto funzionamento di pacemaker e dispositivi similari
  • monitorare l’effetto dei farmaci sulla funzionalità cardiaca

Come prepararsi all’Elettrocardiogramma?

 

Non ci sono norme preparatorie per sottoporsi all’esame; è consigliabile evitare di mangiare, fumare e fare attività fisica intensa almeno mezz’ora prima dell’esame diagnostico (nel caso dell’elettrocardiogramma sotto sforzo è consigliabile evitare di mangiare nelle 3 ore precedenti).

E’ importante riferire allo specialista eventuali terapie farmacologiche in atto e/o patologie pregresse. 

L'équipe

Dott. Luigi Rodighiero

Équipe medica

AREA DI COMPETENZA

Cardiologia, Medicina dello Sport
SEDE

Castiglione d/S, Desenzano d/G

Richiedi informazioni

    Scegli la sede


    *campi obbligatori.